IL RENE NELLA MTC

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
CALENDARIO
EMOZIONALE
SALUTE E
BENESSERE
Curiosità ed
aneddoti

Nella MTC ogni organo del nostro corpo ha una funzione fisica e una astratta. Sicuramente la lingua composta da ideogrammi ha dato una bella mano per forgiare questa visione olistica del benessere. Gli ideogrammi, infatti, non dicono ma piuttosto suggeriscono l’idea, composti come sono, da più elementi. Inoltre nella MTC si fondono filosofia, scienza naturale e universo relazionale. In essa, materia ed energia non sono scisse ma formano un armonico intreccio. Al contrario, la nostra visione per lo più meccanicistica del corpo umano è molto lontana da questa visione armonica della natura e dell’essere umano quale parte integrante di essa. Questo ci rende talvolta ostico l’approccio a questa disciplina.
Siamo ancora nel periodo invernale che terminerà con l’equinozio di primavera. Legato all’inverno è il Rene che va particolarmente protetto perché teme il freddo. Infatti, sul piano fisico esso governa l’acqua e l’acqua con il freddo non fluisce ma diventa ghiaccio. Il rene gestisce il flusso dei liquidi verso la vescica urinaria, come in un perfetto sistema di chiuse. Le chiuse per essere utili hanno bisogno di acqua corrente.
L’acqua poi è sempre stata metafora dell’inconscio, delle profondità oscure, quindi al Rene è associato il colore nero e il sentimento della paura. In esso però ha anche sede la nostra forza di volontà. Se siamo ben strutturati, saremo saldi e in grado di esprimere e affermare la nostra volontà, altrimenti cadremo vittime di paure e insicurezze. Il Rene, con la produzione di midollo, alimenta le ossa. Se l’energia del Rene è forte sarà forte anche la nostra struttura ossea

 

Sul piano filosofico/spirituale il Rene è sede dello Jing, energia originaria (il Jing del Cielo Anteriore) che ci viene donato all’atto del concepimento. Come l’acqua è alla base della vita, così il Jing è l’energia motrice della vita. Il Jing accumulato (Il Jing del Cielo Posteriore) arriva con l’assunzione dei nutrienti giusti. Il Jing va utilizzato con parsimonia perché è alla base di tutte le altre forme di energia nel corpo.
L’energia del Rene governa la nascita, la crescita, lo sviluppo, la riproduzione, il decadimento fisico e l’invecchiamento. Inoltre, produce il midollo che si accumula nel cervello e che alimenta le ossa. Il rene si apre nelle orecchie (le due forme non si assomigliano forse?) e si manifesta nei capelli. Una debolezza dell’energia del Rene avrà come conseguenza ossa fragili, capelli sfibrati e radi, problemi ai denti e problemi di udito, come ronzii e acufeni.
All’energia del rene sono associate anche le ghiandole surrenali particolarmente sotto pressione quando siamo in situazioni di stress. Ciò che depaupera l’energia del Rene sono un’alimentazione squilibrata e uno stile di vita disordinato e stressogeno. Il nero sotto gli occhi, le occhiaie appaiono quando siamo stanchi, quando abbiamo abusato delle nostre energie.

 

Fonte: https://www.facebook.com/Roberta-Rossi-Naturopata-Fidenza-106755891121939/

Potrebbero interessarti anche:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
PROSSIMI
EVENTI
ULTIMI
ARTICOLI
CALENDARIO
MOTIVAZIONALE
METEO
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x