DIWALI

Celebra il ritorno di Rama, avatar di Vishnu, nella sua città natale.

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
CALENDARIO EMOZIONALE
Religione e spiritualità
Curiosità ed aneddoti
Condividi
  •  
  •  

Diwali, la Festa delle Luci, è una delle più antiche e importanti feste celebrata in tutta l’India. Viene anche chiamata Dipavali o Deepawali proprio perchè “deep” significa “luce” o “lampada”, mentre “avali” vuol dire “fila”, da cui il concetto, appunto, di “successione di luci” rappresentata dalle lampade che vengono sistemate un po’ ovunque in occasione della festa.

Celebra il ritorno di Rama, avatar di Vishnu, nella sua città natale Ayodhya, dopo 14 anni di esilio. Simbolicamente, quindi, la Luce torna a casa. Come narrato nel celebre poema epico indiano Ramayana, Rama, dopo avere sconfitto insieme al fratello Lakshmana, ad Hanuman e al suo esercito di scimmie il re di Lanka Ravana, che aveva rapito sua moglie Sita, torna ad Ayodhya carico di gloria e di onori. Questa festa rappresenta, quindi, il trionfo del bene sul male e della luce sull’ombra.

La festa dura cinque giorni:

Dhanteras o Dhanatrayodashi: il tredicesimo giorno dalla Poornima (luna piena) è il primo giorno di festa. “Dhan” significa “ benessere” e “teras” vuol dire “tredicesimo giorno”. L’usanza vuole che sia di buon auspicio comprare in questo giorno qualche utensile nuovo per la casa, che deve essere ripulita da cima a fondo per l’occasione e, per chi può permetterselo, anche qualche monile d’oro. Si celebra Lakshmi, la Dea della prosperità. In alcune località dell’India, le lampade vengono accese anche per Yama, il Dio della Morte.

Chhoti Diwali o Narak Chaturdashi: nella vigilia di Diwali si ricorda Hanuman, dio dall’aspetto di scimmia e a sua volta grande devoto di Rama, il quale giunse volando in città per annunciare al popolo l’imminente ritorno del Signore Rama. Tipici di Chhoti Diwali sono i mithai, dolci a base di farina e miele, ripieni in varia maniera e poi fritti nel ghee. Proprietari ed imprenditori sono soliti portarli in ufficio, in negozio o a casa per offrirne ai loro impiegati. E’ tradizione esporre piccole casette con al centro una immagine di Lakshmi, così come statuine di Ganesha e della dea che verranno poi utilizzate nella puja, la cerimonia religiosa. Lakshmi, la divinità della ricchezza e dell’abbondanza associata all’oro, è di fatto la protagonista della festa e secondo la tradizione farà visita alle case piene di luci durante questi giorni per portarvi prosperità. Questo giorno viene spesso festeggiato facendo esplodere dei mortaretti.

Diwali o Lakshmi Puja: il giorno della luna nuova che segna l’inizio delle due settimane buie di Ashvin. Questo è il vero giorno di festa e, dunque, quello più significativo.

Balipratipada o Padiwa o Goverdhan Puja o Varshapratipada: il primo giorno delle due settimane luminose di Kartik, quando Krishna alzò il Govardhan Parvat per proteggere i Gokul dalla collera di Indra e venne incoronato il Re Vikramaditya.

Bhai Dooj o Bhaiya Dooj: il quinto ed ultimo giorno della festa di Diwali. I fratelli e le sorelle rinnovano il loro affetto; le sorelle mettono il sacro tilak rosso sulla fronte dei fratelli e pregano per la loro vita, mentre i fratelli benedicono le sorelle e fanno loro regali.

Il giorno di Diwali magnifici rangoli (disegni colorati) vengono preparati all’esterno di case e negozi, sempre punteggiati da miriadi di lucine. E’ una maniera gioiosa di accogliere l’arrivo della dea Lakshmi e di tutti i doni che ella vorrà donare a chi la venera: prosperità, abbondanza, denaro, affetti rinsaldati ecc.

Si disegnano piccole orme di piede usando farina di riso e polvere vermiglia in tutta la casa, per indicare l’attesa della dea . Non è raro trovare l’abitudine di tenere aperta la porta di casa per permettere alla dea di entrare.

Durante l’intera festività le luci non devono mai mancare e, per questo, lampade (“diya”) e candele sono tenute accese ogni sera.

E’ consuetudine molto diffusa iniziare il giorno, prima dell’alba, con un bagno purificatore seguito da un massaggio con oli profumati. Compiere correttamente questo rito equivale, religiosamente parlando, ad un’abluzione nel Gange, secondo la tradizione.

Se la casa non è stata ancora pulita, si dovrà farlo all’alba o di mattina per accogliere Lakshmi.

Durante il giorno ci si scambiano dolci e regali per rafforzare i legami tra la famiglia e gli amici. Si indossano vestiti nuovi e gioielli e si fanno esplodere petardi e fuochi d’artificio.

La sera si celebra la Lakshmi puja, cioè la preghiera: l’altare viene decorato con fiori freschi e ghirlande vengono applicate intorno alle statuette di Lakshmi e Ganesha.

E dopo la celebrazione e il banchetto, la festa popolare ha inizio: l’India intera festeggia il ritorno di Rama con fuochi d’artificio e petardi e tenendo accese nelle case per tutta la notte lucerne di terracotta a olio o burro, le diyas, in un turbine travolgente di luci e colori.

Fonte: http://www.mahikrishnalila.it/blog/

Potrebbero interessarti anche:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
EVENTI
ULTIMI ARTICOLI
CALENDARIO MOTIVAZIONALE
METEO

Potrebbero interessarti anche:

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
CALENDARIO EMOZIONALE
RELIGIONE E SPIRITUALITà
Curiosità ed aneddoti
EVENTI
ULTIMI ARTICOLI
CALENDARIO MOTIVAZIONALE
METEO
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x